Norme armonizzate - Tipologie

Una norma europea, per essere armonizzata, deve essere pubblicata nella Gazzetta ufficiale della Comunità nel contesto delle norme di riferimento per una determinata direttiva di nuovo approccio. Le norme europee sono di tre tipi: generali, di sicurezza, di prodotto.

Le norme armonizzate possono essere suddivise nelle seguenti categorie o gruppi:

  • norme di tipo A che contengono i concetti fondamentali, i principi di progettazione e gli aspetti generali applicabili a tutte le macchine;
  • norme di tipo B, che analizzano aspetti di sicurezza e dispositivi di sicurezza applicabili a più tipi di macchine. Le norme di tipo B, a loro volta, si dividono in: norme di tipo BI, che analizzano aspetti specifici della sicurezza come, per esempio, le distanze di sicurezza, il rumore emesso o la temperatura delle superfici; norme di tipo B2, che analizzano i dispositivi di sicurezza come, per esempio, i ripari fissi e mobili, dispositivi di interblocco o le barriere fotoelettriche;
  • norme di tipo C, che trattano i requisiti di sicurezza specifici per una macchina o per un particolare gruppo di macchine.

Le norme armonizzate vengono tutte redatte in conformità alla norma armonizzata EN 414:2000 Regole per la stesura e la redazione delle norme di sicurezza. Tra le oltre informazioni, la EN 414 definisce uno struttura sulla quale realizzare ogni norma (principalmente di tipo B o C):

  • premessa, che offre importanti riferimenti in merito all’elaborazione della norma;
  • introduzione, che inquadra la norma in termini di contenuto e trattazione della stessa;
  • scopo e campo di applicazione, che descrive le finalità e le modalità di applicazione della norma;
  • riferimenti normativi, che permettono di stabilire lo necessità di ulteriori informazioni tecniche come presupposto o come completamento rispetto al contenuto della norma in esame;
  • termini e definizioni, che consentono di utilizzare i termini più appropriati senza il rischio di fraintendimenti;
  • corpo della norma, che tratta esaurientemente l’argomento dello norma in esame;

Nel caso di norme di tipo C, per esempio, abbiamo la presentazione di:

  • elenco dei pericoli significativi;
  • punto che deve presentare, per le zone definite pericolose, i pericoli significativi, le situazioni pericolose significative (circostanze che espongono uno persona o questi pericoli), gli eventi pericolosi significativi, o requisiti di sicurezza e/o misure di protezione;
  • punto che deve contenere i requisiti di sicurezza e/o le misure di protezione che devono essere applicati al fine di ridurre l’effetto di tutti i pericoli determinati in precedenza, o verifica dei requisiti di sicurezza e/o delle misure di protezione;
  • punto che deve indicare come verificare se il livello di protezione offerto dalla macchina rimane inalterato nel tempo;
  • istruzioni per l’uso;
  • punto che presenta le informazioni supplementari che vanno aggiunte viste le caratteristiche specifiche della macchina in esame;
  • allegati;
  • di tipo normativo (se si prevede, come per esempio per certi metodi di prova, lo possibilità che alcune parti della norma in esame siano applicabili od altri documenti);
  • di tipo informativo (che forniscono soltanto informazioni o che sono serviti come riferimento in fase di preparazione della norma).
  • La conoscenza di questa struttura consente di orientarsi agevolmente in ogni norma, permettendo al fabbricante di reperire in maniera semplice e sicura le informazioni di cui necessita in ogni fase della progettazione e della realizzazione della macchina.

Varie - Norme armonizzate - Tipologie

 

Marcatura CE avvertenze e segnalazioni di varia natura