Direttiva Prodotti da costruzione - Direttiva 89-106-CE

Direttiva CPD 89/106/CEE - Il benestare tecnico

Il “Benestare Tecnico Europeo” (in Inglese, European Technical Approval, in sigla ETA), è emesso dall’Organizzazione dell’EOTA ed è previsto dalle norme europee, deve intendersi come: “Valutazione tecnica favorevole dell’idoneità all’uso di un prodotto da costruzione per uno specifico impiego, basata sul soddisfacimento dei requisiti essenziali dell’Opera di costruzione nella quale il prodotto deve essere incorporato.”

 

Segue

Direttiva CPD 89/106/CEE - Significato della marcatura CE

Nella direttiva CPD la marcatura CE ha in qualche caso significati diversi da quelli comuni delle altre direttive di nuovo approccio.

Segue

Direttiva CPD 89/106/CEE - Norme europee e CPD

Norme Europee (EN) e CPD: in base ai principi del Nuovo Approccio, della CPD e delle direttive sugli Appalti Pubblici, la normazione Europea assume un’importanza speciale.

Segue

Direttiva CPD 89/106/CEE - Scopo e finalita'

La direttiva prodotti da costruzione 89/106/CEE (cfr. OJ L 40, del 11-2-1989), approvata il 21 Dicembre 1988 ed emendata il 22 Luglio 1993 dalla “direttiva 93/68/CEE” (cfr. OJ L 220, del 30-8-1993) e successivamente dal Regolamento (CE) N. 1882/2003 (cfr. OJ L284 del 31-10-2003), si propone di eliminare le barriere tecniche al commercio per i prodotti da costruzione.

Segue

Direttiva CPD 89/106/CEE - Requisiti essenziali

Questi punti della direttiva CE 89/106 riguardano I requisiti essenziali e documenti interpretativi del prodotto da costruire: la resistenza meccanica e stabilità, la sicurezza in caso d’incendio, igiene, salute ed ambiente, la sicurezza in uso, la protezione contro il rumore ed il risparmio energetico e ritenzione del calore.

Segue
 

Consulenza per le direttive europee (Ce) e il quadro normativo