Direttiva EMC 2004/108/CE - Allegati

A seguire la Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 2004/108/CE, la marcatura «CE» deve essere apposta sull’apparecchio o sulla sua targhetta identificativa.

Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 2004/108/CE - Allegati I: Requisiti essenziali di cui all’art. 5.

1. Requisiti in materia di protezione
Le apparecchiature sono progettate e fabbricate, secondo le tecniche più recenti, in modo tale che:

a) le perturbazioni elettromagnetiche prodotte non raggiungano un’intensità tale da impedire il normalefunzionamento delle apparecchiature radio e di telecomunicazione;

b) presentino un livello d’immunità alle perturbazioni elettromagnetiche prevedibili nelle condizioni d’uso cui sono destinate tale da preservarne il normale funzionamento da un deterioramento inaccettabile.

2. Requisiti specifici per gli impianti fissi

Installazione e utilizzo previsto di componenti:

Gli impianti fissi sono installati secondo le regole dell’ingegneria industriale e le indicazioni sull’uso cui i loro componenti sono destinati, al fine di soddisfare i requisiti in materia di protezione di cui al punto 1. Dette regole di ingegneria industriale sono documentate e la(le) persona(e) responsabile(i) le tengono a disposizione delle competenti autorità nazionali a fini ispettivi fintantoché gli impianti fissi sono in funzione.

ALLEGATO II

PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ DI CUI ALLARTICOLO 7

(Controllo interno della fabbricazione)

1. Il fabbricante effettua una valutazione della compatibilità elettromagnetica degli apparecchi, sulla base dei fenomeni pertinenti, al fine di conformarsi ai requisiti in materia di protezione di cui all’allegato I, punto 1. La corretta applicazione di tutte le pertinenti norme armonizzate i cui riferimenti siano stati pubblicati nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea equivalgono all’effettuazione di una valutazione della compatibilità elettromagnetica.

2. La valutazione della compatibilità elettromagnetica tiene conto di tutte le normali condizioni di funzionamento cui gli apparecchi sono destinati. Se gli apparecchi possono assumere varie configurazioni, la valutazione della compatibilità elettromagnetica accerta che gli apparecchi soddisfino i requisiti in materia di protezione di cui all’allegato I, punto 1, in tutte le configurazioni possibili identificate dal fabbricante come rappresentative dell’uso cui gli apparecchi sono destinati.

3. In base alle disposizioni di cui all’allegato IV, il fabbricante predispone la documentazione tecnica attestante la conformità dell’apparecchio ai requisiti essenziali della presente direttiva.

4. Il fabbricante o il suo mandatario nella Comunità tengono la documentazione tecnica a disposizione delle autorità competenti per un periodo di almeno dieci anni dalla data di fabbricazione degli ultimi apparecchi del tipo in questione.

5. La conformità dell’apparecchio a tutti i pertinenti requisiti essenziali è attestata da una dichiarazione di conformità CE rilasciata dal fabbricante o dal suo mandatario nella Comunità.

6. Il fabbricante o il suo mandatario nella Comunità tengono la dichiarazione di conformità CE a disposizione delle autorità competenti per un periodo di almeno 10 anni a decorrere dalla data di fabbricazione degli ultimi apparecchi del tipo in questione.

7. Nel caso in cui né il fabbricante né il suo mandatario siano stabiliti nella Comunità, l’obbligo di tenere la dichiarazione di conformità CE e la documentazione tecnica a disposizione delle autorità competenti incombe alla persona che immette gli apparecchi in questione sul mercato della Comunità.

8. Il fabbricante prende tutte le misure necessarie per assicurare che i prodotti siano fabbricati conformemente alla documentazione tecnica di cui al punto 3 e ai requisiti della presente direttiva ad essi applicabili.

9. La documentazione tecnica e la dichiarazione di conformità CE sono redatte conformemente alle disposizioni riportate nell’allegato IV.

ALLEGATO III

PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELLA CONFORMITÀ DI CUI ALLARTICOLO 7

1. La presente procedura consiste nell’applicazione dell’allegato II, completato come segue:

2. Il fabbricante o il suo mandatario nella Comunità presentano la documentazione tecnica all’organismo notificato di cui all’articolo 12 e chiedono che esso proceda alla valutazione. Il fabbricante o il suo mandatario nella Comunità specificano all’organismo notificato gli aspetti dei requisiti essenziali che devono essere valutati dall’organismo notificato.

3. L’organismo notificato esamina la documentazione tecnica e valuta se la documentazione tecnica dimostra adeguatamente che i requisiti della direttiva sottoposti alla sua valutazione sono rispettati. Se la conformità dell’apparecchio è confermata, l’organismo notificato trasmette una dichiarazione al fabbricante o al suo mandatario nella Comunità attestante la conformità di detto apparecchio. Tale dichiarazione si limita agli aspetti dei requisiti essenziali che sono stati sottoposti alla valutazione dell’organismo notificato.

4. Il fabbricante integra la dichiarazione dell’organismo notificato nella documentazione tecnica.

ALLEGATO IV

DOCUMENTAZIONE TECNICA E DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CE

1. Documentazione tecnica

La documentazione tecnica deve permettere di valutare la conformità dell’apparecchio ai requisiti essenziali. Deve comprendere la progettazione e la fabbricazione dell’apparecchio in particolare:

  • una descrizione generale dell’apparecchio,
  • la prova della conformità alle norme armonizzate eventualmente applicate, in tutto o in parte,
  • quando il fabbricante non ha applicato norme armonizzate o le ha applicate solo in parte, una descrizione e una spiegazione delle misure adottate per soddisfare i requisiti essenziali della direttiva, con una descrizione della valutazione della compatibilità elettromagnetica di cui all’allegato II, punto 1, i risultati dei calcoli progettuali effettuati, gli esami effettuati, i rapporti di prova, ecc.,
  • una dichiarazione dell’organismo notificato, se è stata seguita la procedura di cui all’allegato III.

2. Dichiarazione di conformità CE

La dichiarazione di conformità CE deve contenere almeno gli elementi seguenti:

  • un riferimento alla presente direttiva,
  • l’identificazione dell’apparecchio a cui si riferisce, ai sensi dell’articolo 9, paragrafo 1,
  • il nome e l’indirizzo del fabbricante e, se del caso, il nome e l’indirizzo del suo mandatario nella Comunità,
  • un riferimento datato alle specificazioni rispetto a cui è dichiarata la conformità, per assicurare la conformità dell’apparecchio alle disposizioni della presente direttiva;
  • la data della dichiarazione,
  • le generalità e la firma della persona autorizzata ad impegnare il fabbricante o il suo mandatario.

ALLEGATO V

MARCATURA «CE» DI CUI ALLARTICOLO 8

La marcatura «CE» è costituita dalla sigla «CE» nella seguente forma:

La marcatura «CE» deve avere un’altezza non inferiore a 5 mm. Se è ridotta o ingrandita, devono essere rispettate le proporzioni del grafico qui sopra riportato.

Se l’apparecchio è disciplinato da altre direttive riguardanti altri aspetti, che prevedono anch’esse la marcatura «CE», quest’ultima indica che l’apparecchio è conforme anche a tali altre direttive.

Tuttavia, quando una o più di tali direttive consentono al fabbricante, durante un periodo transitorio, di scegliere quali disposizioni applicare, la marcatura «CE» indica soltanto la conformità alle direttive applicate dal fabbricante. In tal caso, le disposizioni delle direttive applicate, come pubblicate nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea, devono essere indicate nei documenti, nelle avvertenze o nelle istruzioni prescritte dalle direttive e che accompagnano l’apparecchio.

ALLEGATO VI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE DEGLI ORGANISMI DA NOTIFICARE

1. Gli organismi notificati dagli Stati membri soddisfano le condizioni minime seguenti:

a) disponibilità di personale e dei mezzi e delle attrezzature necessari;

b) competenza tecnica e integrità professionale del personale;

c) indipendenza nella stesura delle relazioni e nell’esecuzione dei compiti di verifica previsti dalla presente direttiva;

d) indipendenza del personale amministrativo e tecnico nei confronti di tutte le parti, i gruppi o le persone direttamente o indirettamente interessati dall’apparecchiatura in questione;

e) rispetto del segreto professionale da parte del personale;

f) sottoscrizione di un’assicurazione di responsabilità civile, a meno che tale responsabilità non sia coperta dallo Stato membro in base al diritto nazionale.

2. Le condizioni di cui al punto 1 sono verificate periodicamente dalle competenti autorità dello Stato membro.
 

Direttiva EMC 2004/108/CE - Allegati

 

Dichiarazione di conformità per la marcatura Ce