Direttiva CPD 89/106/CEE - Controllo del Processo di Fabbrica (FPC)

Nella direttiva CPD si intende per Controllo del Processo di Fabbrica (in Inglese, Factory Production Control, in sigla FPC) il controllo interno permanente del processo di produzione esercitato dal produttore (da non confondere con il più ampio Sistema di Gestione per la Qualità, di cui alla Norma EN ISO 9001: 2000, che permane in regime volontario).

Tutti gli elementi, i requisiti e le disposizioni adottati dal produttore devono essere documentati in maniera sistematica ed in forma di obiettivi e procedure scritte (cfr. Allegato III.1 della CPD). Il Controllo del Processo di Fabbrica rappresenta l’elemento più importante dei Sistemi di attestazione della conformità, ed è richiesto in tutte le tipologie di Sistema.

Nessuna marcatura CE di conformità alla CPD potrà essere affissa in mancanza di attuazione del FPC da parte del produttore. Anche nei Mandati della Commissione è richiesto agli Organismi che devono redigere le Specificazioni Tecniche Europee di tenere conto dell’esigenza di specificare il significato ed il contenuto del FPC in relazione ai diversi tipi di prodotti da costruzione.

Allo scopo di ottenere un livello di espressione equivalente del Controllo del Processo di Fabbrica, la Commissione ha pubblicato il Guidance Paper B “The definition of Factory Production Control in technical specification for Construction Products” nel quale gli Stati Membri e la Commissione hanno espresso la loro interpretazione comune su questo argomento (cfr. Documento Construct 95/135 Rev.1).

Gli “Specificatori” sono tenuti ad adattare le disposizioni di tale Guidance Paper alle famiglie di prodotti in discussione ed al relativo processo di produzione. Parallelamente, le disposizioni contenute nelle Specificazioni Tecniche devono essere sufficientemente flessibili per potersi adattare alle particolari caratteristiche del processo di produzione di ogni singolo produttore.

Le disposizioni riguardanti il Controllo del Processo di Fabbrica devono comprendere i seguenti argomenti:

  • Struttura dell’organizzazione e responsabilità,
  • Documentazione del processo di produzione, procedure di Controllo del Processo di Fabbrica e misure sistematiche di correzione del processo,
  • Specificazione e verifica delle materie prime e dei costituenti, - Controlli e prove prima, durante ed al termine del processo di produzione (frequenze minime),
  • Apparecchiature di prova e loro controllo,
  • Registrazione dei risultati di prove e verifiche,
  • Trattamento dei prodotti Non Conformi,
  • Rintracciabilità dei prodotti.

Per avere successo nel Controllo del Processo di Fabbrica, il produttore deve poter contare su personale opportunamente qualificato e formato in merito ai propri compiti e deve aggiornarlo a tempo debito.

Direttiva CPD 89/106/CEE - Controllo del Processo di Fabbrica (FPC)

 

Consulenza per le direttive europee (Ce) e il quadro normativo